Noi crediamo
nella bellezza
e nella forza
delle persone
e della natura

società cooperativa sociale

Mercatino dell'usato - Verona

Sgomberi verona

Da oltre 30 anni la cooperativa Mattaranetta a Verona si occupa di sgomberi di appartamenti, cantine, soffitte, uffici e magazini ed ha maturato una grande esperienza e professionalità, inoltre riesce a contenere i costi  selezionando e vendendo  tutto, cio che può essere riutilizato, presso il prorpio mercatino dell'usato a Verona che è ormai diventato un importante punto di riferimento sia per chi vuole risparmiare comprando materiale usato, sia per gli amanti e collezionisti di  antiquariato e modernariato.

Carattere Aumenta Diminuisci Xx

Dall'esperienza ultra trentennale di Mattaranetta nella gestione dell'usato é nato qualcosa di nuovo:

 

SBILANCIAMOCI

Riutilizzo, l’Italia che si reinventa dal basso

03/01/2014

Il 48% degli italiani ha fatto ricorso, negli ultimi 5 anni, all'usato e il 41% dichiara di voler incrementare i suoi acquisti nel settore. I dati del Rapporto 2013 sul riutilizzo.
Nel 2013 centinaia di milioni di mobili, oggetti, giocattoli, casalinghi, elettrodomestici, libri e apparati elettronici sono passati di mano in mano con fatturati complessivi a nove zeri e prezzi talmente bassi da competere con le importazioni asiatiche low cost (ma spesso offrendo una qualità maggiore). Si tratta prevalentemente di filiere corte dove ricchezza prodotta e valore aggregato rimangono sul territorio.



In epoca di difficoltà economica non c’è dubbio che il riuso sia un vero toccasana, e non è un caso che l’Unione Europea includa questa pratica tra gli strumenti strategici per il rilancio dell’economia comunitaria. Lo stato dell’arte di questo complesso e variegato settore è descritto nel Rapporto Nazionale sul Riutilizzo 2013, redatto dal Centro di Ricerca Economica e Sociale Occhio del Riciclone e intitolato “L’Usato che Ragiona”. Il titolo del rapporto ha una motivazione precisa: nell’anno che ci siamo lasciati alle spalle, in Italia l’attività di studio, sperimentazione e dimostrazione sul riutilizzo è aumentata esponenzialmente, soprattutto a causa della pressione delle direttive europee che impongono lo sviluppo di piani e proposte. È una cosa positiva: l’innalzamento del livello del dibattito lascia infatti meno spazio alle iniziative che a volte i Comuni, senza preoccuparsi di fornire risultati, mettono in campo con l’unico intento di poter dichiarare di “aver fatto riutilizzo”…e disinnesca il tentativo di alcune amministrazioni regionali e comunali di promuovere, per motivi politici e di immagine, la riproduzione dei loro “modelli” di centro di riuso anche quando questi non riescono a produrre risultati di rilievo.

Uno dei dati chiave emersi dal rapporto è il risultato di riutilizzo medio di un negozio conto terzi dell’usato a conduzione familiare; lo storico delle vendite di 4 anni di un campione di 210 negozi mostra una media di riutilizzo annuale pari a poco più di 100 tonnellate a testa: una quantità simile alla somma di tutti i centri di riuso aperti con denaro pubblico in Centroitalia. Il dato ha un risvolto importante: se uno qualsiasi dei 4000 negozi in conto terzi gestiti in Italia da coppie giovani e meno giovani con l’aiuto dei figli, dei fratelli e dei cognati, riesce a produrre circuiti sociali territoriali in grado di generare molto più riutilizzo che un centro di riuso finanziato e promosso con grande pompa da un ente locale, perchè non chiedere agli enti locali di concentrarsi, piuttosto, nel favorire il consolidamento e la proliferazione di questa piccola economia (che, per paradosso, si trova proporzionalmente a dover sostenere più oneri di chi commercia il nuovo)?

Occhio del Riciclone ha proposto che tutte le iniziative pubbliche di riutilizzo che non possono mostrare performance di riutilizzo maggiori alla media di un negozio privato vengano sospese e che il denaro risparmiato venga usato per favorire le attività economiche familiari realmente in grado di produrre risultati (non solo ambientali ma anche in termini di ricchezza, posti di lavoro e sviluppo locale). Questo non significa che non ci sia bisogno di sviluppare Centri di Riuso in ogni Comune: al contrario! Però prima di pensare a un centro di riuso è opportuno verificare che esistano le condizioni locali per adottare obiettivi e schemi di funzionamento seri; se le condizioni ancora non esistono meglio lavorare per crearle e nel frattempo scommettere su altro. Avviare Centri di Riuso virtuosi è possibile: la Cooperativa Insieme di Vicenza, grazie a un modello di riuso integrato nella gestione dei rifiuti, sta riutilizzando ogni anno ben 400 tonnellate di beni (esclusi gli indumenti) e, in seguito all’adozione di un nuovo schema di magazzino e inventario e al coinvolgimento degli operatori dell’usato, sta puntando a raddoppiare in breve tempo. Ma il potenziale di replicabilità dei modelli di oggettivo successo è drasticamente indebolito dall’avversità di molti Comuni e aziende di igiene urbana di fronte a qualsiasi ipotesi di integrare il riutilizzo nei propri schemi di raccolta (integrare è sicuramente piú impegnativo che improvvisare azioni ludiche parallele e senza nessun contatto con il sistema). Va comunque preso atto che l’associazione di categoria delle aziende di igiene urbana, Federambiente, ha avviato assieme agli operatori dell’usato italiani una sperimentazione nazionale per promuovere la collaborazione tra il settore della raccolta rifiuti e quello del riuso.

Ma qual’è l’andamento generale del riutilizzo in Italia? L’approccio degli italiani verso l’acquisto dell’usato negli ultimi 5 anni è cambiato profondamente. Il 48% degli italiani ha fatto ricorso all'usato e il 41% dichiara di voler incrementare i suoi acquisti in questo settore. Sociologi ed esperti di mercato dicono che consuma l'usato: 1) chi cerca il risparmio; 2) chi è più colto; 3) i giovani più che gli anziani. Nell'espansione dell'usato la crisi conta, ma si tratta anche di un'evoluzione degli stili di consumo che è indipendente dalla congiuntura economica e dalla riduzione del potere d’acquisto delle famiglie. Il ricorso all’usato è dunque destinato ad affermarsi e crescere anche quando si entrerà in un'eventuale fase di ripresa economica.

Secondo le stime della Rete Nazionale Operatori dell’Usato il comparto dell’usato occupa in Italia oltre 80.000 persone, ma una mappatura puntuale risulta assai problematica a causa dell’informalità nella quale sono costrette circa il 70% delle attività. Il settore è in attesa di una riforma complessiva che, in virtù della crescente pressione della categoria verso le istituzioni, comincia a muovere i primi passi formali. In termini di vendite, va bene l'usato che ha funzione d'uso quotidiana e va molto male l'usato superfluo (epoca, collezionismo, ecc…). Soffrono quindi la crisi i rivenditori di usato superfluo, mentre vanno bene quelli di usato generico. I settori della riparazione di abbigliamento ed elettrodomestici sono in "ricrescita", dopo anni in cui sembravano procedere ràpidamente verso l’estinzione. Gli operatori informali, specie di etnia rom, sono al centro di iniziative di integrazione a Napoli, Reggio Calabria, Roma e Torino, ma sono anche oggetto, alternativamente, di persecuzione giudiziaria e persecuzione razzista. A Roma la chiusura di mercatini autorizzati sta generando una rinnovata pressione delle comunità straniere sui mercati autorizzati, e in particolare su quello di Porta Portese con pesanti ripercussioni per gli operatori dell’usato storici del mercato (che stentano anch’essi a veder formalizzata la loro pluridecennale attività di riutilizzatori). Torino, dopo essersi affermata negli scorsi anni come best practice in questo ambito con l’istituzione delle “Aree di Libero Scambio non professionale dell’usato”, ha davanti la sfida di riconfermarsi come terreno d’avanguardia di sperimentazione di fronte alla crescente richiesta di spazi autorizzati avanzata da ampie fasce della popolazione in stato di bisogno. A Roma e Milano operai in cassaintegrazione o espulsi dal mercato del lavoro, insieme a precari e studenti, hanno messo in moto processi di riconversione partecipata delle fabbriche fallite che hanno al centro modelli di riutilizzo su scala, riciclo e upcycling.

Non c’è dubbio: il variegato mondo del riutilizzo è l’emblema dell’Italia che reagisce alla recessione reinventandosi dal basso. Intraprendendo attività economica reale, creando socialità territoriale e sviluppando azione ambientale.

 La riproduzione di questo articolo è autorizzata a condizione che sia citata la fonte: www.sbilanciamoci.info.

Contatti
Tel/Fax: 045 976024
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

Approvato il collegato ambientale

Con l’approvazione il 22/12/2015 del collegato ambientale, è stato approvata la norma    che consente la raccolta, all’interno dei centri raccolta rifiuti comunali (ecocentri), di beni da destinare al riutilizzo.

Il provvedimento è parte degli indirizzi verso il modello della “economia circolare” che prevede la riduzione dell’impiego di risorse naturali.

.

(Modifica all’articolo 180-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, in materia di scambio di beni usati).

1. Dopo il comma 1 dell’articolo 180-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, è inserito il seguente:

1-bis.

Ai fini di cui al comma 1, i comuni possono individuare anche appositi spazi, presso i centri di raccolta di cui all’articolo 183, comma 1, lettera mm) , per l’esposizione temporanea, finalizzata allo scambio tra privati, di beni usati e funzionanti direttamente idonei al riutilizzo. Nei centri di raccolta possono altresì essere individuate apposite aree adibite al deposito preliminare alla raccolta dei rifiuti destinati alla preparazione per il riutilizzo e alla raccolta di beni riutilizzabili. Nei centri di raccolta possono anche essere individuati spazi dedicati alla prevenzione della produzione di rifiuti, con l’obiettivo di consentire la raccolta di beni da destinare al riutilizzo, nel quadro di operazioni di intercettazione e schemi di filiera degli operatori professionali dell’usato autorizzati dagli enti locali e dalle aziende di igiene urbana »

SBILANCIAMOCI

Riutilizzo, l’Italia che si reinventa dal basso

03/01/2014

Il 48% degli italiani ha fatto ricorso, negli ultimi 5 anni, all'usato e il 41% dichiara di voler incrementare i suoi acquisti nel settore. I dati del Rapporto 2013 sul riutilizzo.
Nel 2013 centinaia di milioni di mobili, oggetti, giocattoli, casalinghi, elettrodomestici, libri e apparati elettronici sono passati di mano in mano con fatturati complessivi a nove zeri e prezzi talmente bassi da competere con le importazioni asiatiche low cost (ma spesso offrendo una qualità maggiore). Si tratta prevalentemente di filiere corte dove ricchezza prodotta e valore aggregato rimangono sul territorio.

Leggi tutto...

Verona green

Di recente è apparso un articolo su Verona green dedicato alla nostra attività:

leggi tutto...

On-line progetto PRISCA sul riuso

PRISCA - Pilot project for scale re-use starting from bulky waste stream - è un progetto finanziato dalla Commissione Europea attraverso il programma Life Plus Ambiente 2011 che si propone di dimostrare la fattibilità di due Centri di Riuso,

Leggi tutto...

La Rete ONU

La rete ONU è la rete degli operatori e degli organizzatori dei mercati storici e delle pulci, delle fiere e delle strade, delle cooperative sociali, cooperative di produzione lavoro che lavorano nel sociale, delle botteghe rigattiere e dell’usato, dei negozi in conto terzi e degli enti di solidarietá.

Leggi tutto...

Il risparmio energetico

Il risparmio energetico visto da alcuni urban boy

 

Quando i rifiuti diventano arte